La storia del paintball

nel spot 007Questo sport relativamente giovane per gli standard , non è diventato il fenomeno che è oggi dal giorno alla notte. Basti pensare che Pistole e marcatori esistevano precedentemente alla prima partita di paintball.
Ma andiamo per ordine, a partire dagli anni '70 i fucili a vernice venivano utilizzati negli Stati uniti per contrassegnare gli alberi da tagliare macchinadoli con piccole quantità di vernice. Fino a quando nel 1960 a Charles Nelson e la sua “ Charles Nelson Paint Company” gli venne affidato dalla “US forestry Service“ l'incarico di realizzare un sistema per lanciare vernice a maggiori distanze, grazie al suo ingegno Charles creò la prima sfera da paintball, una capsula di gelatina contenente vernice a base di olio ma non era abbastanza, mancava lo strumento con cui scagliare queste sfere, per questo compito i Fratelli Nelson si rivolsero alla tutt'ora esistente “Crossmann” fabbrica per fucili ad aria compressa che inventò a tutti gli effetti il primo marcatore. 
Il primo marcatore venne utilizzato per quattro anni, ma emersero molti difetti di fabbricazione che ne limitarono le vendite, ma Charles Nelson non si arrese, chiese aiuto alla “Daisy manufactoring Company” che ripartì da zero per realizzare un nuovo marcatore, nel 1972 venne messo sul mercato lo “splotchmarker” poi ribattezzato in “NEL-007”, fu un successo! Le vendite superarono le aspettative, nel corso di poco tempo vennero acquistati da tutti i servizi forestali pubblici e privati d’America.
Grazie a questa diffusione, tre personaggi che non avevano nulla a che fare con il settore forestale ebberò l'idea, erano Haynes Noel, Charles Gaines e Bob Guernsey rispettivamente uno scrittore, un commerciate di articoli sportivi e un agente di borsa pensarono di utilizzare i marcatori in modo differente, ricreare un contesto cacciatore-preda più che di battaglia militare, il nome che scelsero per questo nuovo sport fu “Combat Survival game”, si misero subito a lavoro acquistando alcuni marcatori “NEL-007” ne testarono gli effetti su alcuni amici, tra cui il figlio di Charles che commentò, “non fa poi così male!”. 

marking pelletsNel corso di poco tempo realizzarono una prima bozza del regolamento e nella primavera del 1981 la prima partita di paintball della storia, racconta Linoel Atwill protagonista della prima partita che narrò la nascita di questo sport nel suo libro “Survival Game”. La partita avvenne in un'area completamente boschiva di ottanta ettari in modalità “ Capture the flag” a cui parteciparono oltre agli ideatori nove amici, ognuno dei quali con meno di 200 dollari acquistò tutta l’attrezzatura compreso il famoso marcatore cibi e bevande. Il vincitore di questa storica partita fù Ritchie White che durante tutto il tempo di gioco ben nascosto recuperò le dodici bandiere distribuite sul campo senza sparare un colpo!

L’evoluzione

Sono trascorsi circa trent’anni da quella storica sfida tra amici, molte cose sono cambiate, quello che originariamente era un “gioco di sopravvivenza” si è trasformato in una delle discipline sportive più divertenti e praticate in ogni angolo della Terra.
Dai primi anni 80 il paintball ha iniziato una diffusione in tutto il modo, arrivando a diventare uno sport praticato a livello professionistico, nel corso del 2012 è stato calcolato che esistono 15 milioni di giocatori semi professionisti in tutto il mondo, non includendo tutti i principianti che lo praticano senza essere iscritti ad un club o ad un' associazione sportiva.
Negli USA, oltre alla lega ufficiale ogni università possiede la propria squadra di Paintball, in Europa è nata la “European Paintball Federation” che con l’evento “Millenium Tournament” celebra questo sport in quattro tappe nelle più grandi città europee.

TOP

Usiamo cookie propri e di terze parti per migliorare i nostri servizi. Se si continua a navigare sul sito, si accetta tacitamente il loro utilizzo. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information